Ospiti delle passate edizioni

Carmine Abate. Insegnante e scrittore. Dopo dieci anni in Germania oggi vive nel Trentino. Esordisce come narratore con la raccolta di racconti Den Koffer und weg! (Neuer Malik, 1984), e attualmente dirige la collana Biblioteca Emigrazione (Pellegrini Ed.) per la quale ha curato In questa terra altrove (1987), antologia di testi letterari scritti da emigrati italiani. Nel 2012 ha vinto il Premio Campiello con La collina del vento (Mondadori, 2012). La sua ultima opera è Il banchetto di nozze e altri sapori (Mondadori 2016). 


Lirio Abbate. Giornalista, saggista e caporedattore de L’Espresso. È autore di reportage su mafie, corruzione e collusioni fra boss e politici. Nel 2014 Reporters sans frontières lo ha inserito fra i 100 eroi dell’informazione; nel 2015, a Londra, Index on Censorship lo ha annoverato tra le 17 personalità che nel mondo lottano per la libertà di espressione. Con Peter Gomez ha scritto I complici. Tutti gli uomini di Bernardo Provenzano da Corleone al Parlamento (Fazi 2007), e con Marco Lillo il libro-inchiesta su Mafia Capitale I re di Roma (Chiarelettere 2015). È autore di Fimmine ribelli. Come le donne salveranno il Paese dalla ’ndrangheta (Rizzoli 2013).


ABCittà. Cooperativa sociale costituita da professionisti con competenze diverse ed esperti in progettazione partecipata. Gli ambiti di intervento sono le scienze umane e sociali, lo sviluppo sostenibile, l’organizzazione e gestione di sistemi complessi, la pianificazione e la progettazione urbana, psicopedagogia, psicologia dello sviluppo e cultura dell’infanzia e dell’adolescenza. Opera dal 1999 a livello locale, nazionale e internazionale rivolgendosi a istituzioni, enti, agenzie pubbliche e del privato profit e non profit. Attualmente è composta da 16 soci e si avvale della collaborazione di altri professionisti sia in Italia e che in altri Paesi. La Biblioteca Vivente è uno dei loro progetti più partecipati. 


Aldo Accardo. Docente ordinario di Storia Contemporanea presso l’Università di Cagliari e presidente della Fondazione di ricerca Siotto e della Fondazione Memoriale Garibaldi di Caprera. Membro dell'esecutivo dell'AICI (Associazione delle Istituzioni di Cultura Italiane), cura i progetti legati agli anniversari di interesse nazionale. Ha ideato e coordinato la realizzazione della pubblicazione anastatica dei manoscritti dei Quaderni del carcere di Gramsci. Nel 2015 è stato insignito dell'Ordine al Merito della Repubblica per l'attività scientifica e culturale. 


Edoardo Albinati. Scrittore. Da oltre vent’anni è insegnante nel penitenziario di Rebibbia, esperienza narrata nel diario Maggio selvaggio. Suoi reportage dall’Afghanistan e dal Ciad sono stati pubblicati sul Corriere della Sera, la Repubblica, The Washington Post. Ha scritto film per la regia di Matteo Garrone e Marco Bellocchio. Tra gli ultimi libri pubblicati si ricordano Tuttalpiù muoio (Fandango Libri, 2006) con Filippo Timi e Vita e morte di un ingegnere (Mondadori, 2012). Con il romanzo La scuola cattolica (Rizzoli, 2016) ha vinto il Premio Strega 2016. Sempre per Rizzoli è stata recentemente pubblicata la novella Un adulterio.


Vittorio Alessandro. Dopo la laurea in Giurisprudenza entra nel Corpo delle Capitanerie di Porto e presta servizio dedicandosi alla sicurezza della navigazione, alla pesca e all'ambiente marino. Per dieci anni ha prestato attività didattica presso l’Accademia Navale di Livorno e la Scuola Sottufficiali della Maddalena. Nel 2007 ha diretto l’operazione Bahar per il disinquinamento delle acque libanesi dall’olio versato dalla centrale di Jeeh, appena bombardata dagli israeliani. È membro del Consiglio Direttivo di Federparchi e del Consiglio Direttivo di Europarc Federation. È autore del libro Puntonave, edito da Mursia nel 2013.


Ballade Ballade Bois. Il gruppo nasce nel 2009 dalla volontà dell’organettista Carlo Boeddu e in breve si specializza nella realizzazione di balli tradizionali per la piazza. I Ballade Ballade Bois hanno partecipato a festival internazionali dedicati al Bal Folk e ad alcuni festival jazz. Nel 2014 hanno vinto il contest Sonata di Mare, ricevendo il premio durante il Pisa Folk Festival. 

 

Marco Bechis. Regista, sceneggiatore e produttore. Nato a Santiago del Cile da madre cilena e padre italiano, cresce tra San Paolo e Buenos Aires. Il 19 aprile 1977, a vent'anni, viene sequestrato e detenuto nel carcere clandestino Club Atletico; espulso dall'Argentina per motivi politici, approda a Milano nello stesso anno. Ha trascorso lunghi periodi a New York, Los Angeles e Parigi: è stato maestro elementare a Buenos Aires, fotografo e video-artista a New York. Nel 1982 realizza a Milano Desaparecidos, dove sono, video-installazione sul campo di concentramento argentino dove era stato rinchiuso. Dalla mostra, anni dopo, trae il film Garage Olimpo, inserito nella sezione Certain Regard del Festival di Cannes nel 1999. Con i suoi film ha collezionato 23 premi internazionali.


Marco Belpoliti. Docente presso l'Università di Bergamo e scrittore. I suoi libri più recenti sono Primo Levi di fronte e di profilo (Guanda), La strategia della farfalla (Guanda) e La prova (Guanda). Ha curato le Opere complete di Primo Levi (Einaudi) ed è co-direttore di Riga (Marcos y Marcos) e Doppiozero.com. Collabora con La Repubblica e L’Espresso.


Sergio Benoni. Professionista della comunicazione con lunga esperienza nel campo dell’innovazione applicata ai media e alla creatività. Dall’inizio degli anni Novanta ha vissuto da protagonista la rivoluzione di Internet, partecipando come direttore editoriale a start-up di successo come Video On Line e Tiscali. Ha collaborato con player internazionali del mondo dei media, gestendo siti e canali tematici per U2, Sting e Bob Dylan.  Nel 1995 ha fondato Radio X, la prima webradio. È docente di Teoria e Metodo dei Nuovi Media presso l’Istituto Europeo di Design (IED). Con Tito Stagno è autore del romanzo Mister Moonlight – Confessioni di un telecronista lunatico (ed. minimum fax, 2009).


Emanuel Bergmann. Si trasferisce a Los Angeles dopo il diploma per studiare cinema e giornalismo. Ha lavorato per vari studios, case di produzione ed editori indipendenti in Germania e negli Stati Uniti. Attualmente insegna tedesco, traduce e scrive per diverse testate. Il trucco è il suo debutto letterario.


Maurizio Bettini. Classicista e scrittore, docente di Filologia Classica presso l’Università di Siena. È tra i fondatori del Centro di Antropologia e Mondo Antico, di cui è direttore. Dal 1992 tiene seminari presso il Department of Classics della University of California at Berkeley, ed è stato più volte Directeur d’Études associé presso l’École des Hautes Études di Parigi. Cura per Einaudi la serie Mythologica, ed è responsabile per Il Mulino della collana Antropologia del Mondo Antico. Collabora con la pagina culturale de La Repubblica ed è autore di romanzi e racconti. 


Vito Biolchini. Giornalista professionista, laureato cum laude in Scienze della Comunicazione all’Università di Cagliari. Ha maturato significative esperienze nell’ambito del giornalismo, della comunicazione, dell’organizzazione culturale e della scrittura teatrale. Per le frequenze sarde della Rai è la voce di Mediterradio, trasmissione settimanale che unisce le isole di Sardegna, Corsica e Sicilia. Cura un blog personale sui temi della politica e della cultura in Sardegna.


Gianni Biondillo. Camminatore, architetto, scrittore. Negli ultimi anni si è occupato di narrativa di genere, psicogeografia, architettura, viaggi, eros, fiabe e racconti. Come narratore ha pubblicato una decina di volumi, tradotti in varie lingue. Il suo ultimo romanzo è Come sugli alberi le foglie (Guanda, 2016) mentre per la saggistica è del 2016 Passaggio a Nord-Ovest (Terre di mezzo). Scrive per il cinema e la televisione, pubblica regolarmente su quotidiani e riviste nazionali.


Francesca Bono. Fotografa. Dopo il diploma presso l’Istituto Europeo di Design di Torino ha seguito e documentato il processo creativo di numerosi progetti artistici. Da marzo 2015 vive a Valparaiso (Cile), dove è entrata a far parte dell'ensemble di ricerca teatrale Performer Persona Project in qualità di produttrice esecutiva e collaboratrice creativa. Da allora collabora regolarmente con diverse realtà teatrali cilene. A Bitter Story è il suo primo mediometraggio.


Elisabetta Brian. Fotografa. Genovese, vive e lavora a Milano dove ha studiato Art direction presso la Fondazione Accademia di Comunicazione. È membro dell’associazione culturale Obiettivo Camera. Dopo alcune collaborazioni con importanti fotografi italiani inizia a elaborare un proprio percorso professionale, caratterizzato da reportage di iniziative culturali e sociali. Tra i reportage più importanti quelli per Design in Town e BiblioHUB. Alcune sue foto sono state esposte alla 15° Mostra Internazionale di Architettura in occasione della Biennale di Venezia. 


Piero Cannizzaro. Autore e regista. Isole, musica, guerra, città sotterranee, spiritualità e sviluppo sociale: questi i temi principali del suo lavoro, oggi incentrato in prevalenza nel glocal e nella musica etnica. Ossigeno è uno dei suoi più recenti docu-film, presentato in anteprima nel 2012 al Courmayeur Noir Festival. 


Raul Caruso. Ricercatore e docente in Politica Economica presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Dal 2007 dirige negli USA la rivista Peace Economics, Peace Science and Public Policy e il Network of European Peace Scientists, ed è responsabile del capitolo italiano dell’Economists for Peace and Security. Per la sua attività è stato insignito di numerosi premi nell’ambito dell’economia della pace.


Francesco Matteo Cataluccio. Saggista e scrittore. Collabora regolarmente con Inventario, doppiozero.com e ilpost.it. Nel 2012 vince il Premio Ryszard Kapuściński. Tra i suoi libri Immaturità. La malattia del nostro tempo (Einaudi, 2004) e Vado a vedere se di là è meglio. Quasi un breviario mitteleuropeo (Sellerio, 2010), vincitore del Premio Dessì per la letteratura nel 2010.


Roberto Cubelli. Professore Ordinario di Psicologia Generale presso il Dipartimento di Psicologia e Scienze Cognitive dell’Università di Trento. È Managing Editor della rivista internazionale Cortex, membro del Comitato di Direzione della Rivista Internazionale di Filosofia e Psicologia. È stato segretario e presidente dell'Associazione Italiana di Psicologia (AIP). Conduce ricerche nell’ambito della neuropsicologia e della psicologia cognitiva, e collabora stabilmente con il Dipartimento di Psicologia dell’Università di Edimburgo (UK). La sua ultima pubblicazione è Environmental Factors and Teenagers' Personalities: The Role of Personal and Familial Socio-Cultural Level (2017), scritto in collaborazione con E. Menardo e G. Balboni.


Geppi Cucciari. Comica, conduttrice televisiva e radiofonica e attrice italiana. Appassionata di pallacanestro, è giunta sino alla serie A2 con la maglia della Virtus Cagliari. Attualmente è co-conduttrice del programma radiofonico Un giorno da pecora su Rai Radio 2 insieme a Giorgio Lauro. Dal 2005 è collaboratrice di Donna moderna con la sua rubrica Lato G.


Massimo Cuomo. Scrittore. Laureato in Scienze della Comunicazione presso l’Università di Bologna, si occupa di web marketing. Ha pubblicato per Edizioni E/O il suo romanzo d’esordio Malcom (2011), Piccola Osteria senza Parole (2014) e Bellissimo (2017).


Serena Danna. Scrive di Stati Uniti e cultura digitale per il Corriere della Sera, è curatrice della newsletter Futura e lavora nella redazione del supplemento culturale La Lettura. In precedenza ha lavorato per il Sole 24 Ore e collaborato con The Guardian e Monocle 24. Ha curato per Einaudi Prodotto Interno Mafia (2011), ed è co-fondatrice di Peninsula Talks, piattaforma di data journalism presentata alla Biennale di Architettura di Venezia nel 2014.


Derrick de Kerckhove. Sociologo belga naturalizzato canadese, attualmente vive a Roma ed è direttore scientifico della rivista mensile Media Duemila. Dopo gli studi con Marshall McLuhan ha intrapreso un'approfondita ricerca sulla capacità dei media di influenzare la realtà percettiva umana, partendo dall’assunto che i mezzi di comunicazione di massa sono definibili in realtà come delle psicotecnologie, ovvero tecnologie che cambiano i modi di pensare e sentire. Tra le sue opere pubblicate in Italia L'architettura dell'intelligenza (2001); La rete ci renderà stupidi (2016) e Un futuro digitale, confronto fra Carlo Freccero e Derrick de Kerckhove (2016).


Michele De Mieri. Giornalista, autore radiotelevisivo e critico letterario. Ha lavorato ai programmi culturali di Mediaset (A Tutto Volume, Le Notti dell’Angelo, Target) e Rai (Onda anomala, Cenerentola, Mediamente.it). Dal 2001 è coautore di Fahrenheit-Radio3. Ha scritto per Tuttolibri, Leggere e Diario della settimana, D di La Repubblica, L’Espresso e L’Unità. Attualmente scrive per il supplemento culturale de Il Sole 24 Ore. Da sette anni è uno degli organizzatori a Roma, presso l’Auditorium Parco della Musica, di Libri come, Festival del libro e della lettura. È autore per Rai Storia di due edizioni del Viaggio nell’Italia del Giro e per Rai5 della serie in venti puntate I Grandi della letteratura italiana.


Sergio del Molino. Scrittore e giornalista, oggi collabora con diversi quotidiani e programmi televisivi. Ha esordito nel 2009 con la raccolta di racconti Malas influencias, seguita dal romanzo No habrá más enemigo (2012). Nell’ora violetta ha vinto il premio El Ojo Crítico 2013 e il premio Tigre Juan.


Zlatko Dizdarevic. Giornalista, scrittore e redattore del quotidiano Oslobodjenje di Sarajevo, di cui è stato direttore durante la guerra, dal ’92 al ’95. Attualmente è direttore dei settimanali Svijet e Nedjelja e corrispondente dal Medio Oriente. Ha collaborato con il Time, La Repubblica, Diario, Le Monde e altre testate internazionali. È stato più volte premiato per il giornalismo e i diritti umani in Francia, Italia, Colombia e Austria, e docente nelle scuole di giornalismo di Bosnia Erzegovina, Albania, Colombia e Croazia, nonché ambasciatore bosniaco in Croazia, Giordania, Siria, Libano e Iraq. Attualmente è membro del P.E.N. Club internazionale, e oggi vive e lavora a Sarajevo. Da oltre tre decenni analizza gli avvenimenti in Medio Oriente.


Christine Eichel. Giornalista, scrittrice, conduttrice e regista televisiva. È figlia di un pastore protestante e ha studiato filosofia, letteratura e musica, conseguendo il dottorato di ricerca con una tesi su Adorno. Ha insegnato nelle Università di Amburgo e Berlino, e ha lavorato come autrice e regista per il Goethe-Institut, la Deutsche Welle e diverse tv tedesche. Ha condotto talk show di successo e diretto le pagine culturali di importanti riviste come Cicero e Focus. Ha pubblicato numerosi saggi e romanzi, tra cui il best seller Deutschland, Lutherland (2015) e Il dolce alito della vendetta (2016). 


Adriano Favole.  Vice Direttore per la Ricerca presso il Dipartimento di Culture, Politica e Società e docente di Antropologia culturale, Cultura e potere e Etnologia dell'Oceania all’Università di Torino. Ha insegnato presso le Università di Milano, Genova e Bologna e in Nuova Caledonia. I suoi ambiti di ricerca sono l’antropologia politica, l’antropologia del corpo e l’antropologia del patrimonio. Collabora con La lettura del Corriere della Sera, ed è autore di La palma del potere (Il Segnalibro, 2000); Isole nella corrente (La ricerca folklorica, Grafo, 2007); Resti di umanità. Vita sociale del corpo dopo la morte (2003); Oceania. Isole di creatività culturale (2010), La bussola dell’antropologo (2015), editi da Editori Laterza.


Maurizio Ferraris. Docente di Filosofia all’Università di Torino. È stato Fellow dell'Italian Academy for Advanced Studies negli Stati Uniti e dell'Alexander von Humboldt Stiftung, e attualmente è Directeur d’études al Collège International de Philosophie e Visiting Professor all'École des Hautes Études en Sciences Sociales (Parigi). È editorialista per La Repubblica e autore di più di 50 libri, di cui l’ultimo è Positive Realism (Zer0 Books, 2015). Ha lavorato nel campo dell'estetica, dell'ermeneutica e dell'ontologia sociale, associando il suo nome alle teorie della Documentalità e del Nuovo Realismo contemporaneo. 


Daniela Finocchi. Giornalista e saggista, da sempre interessata ai temi inerenti il pensiero femminile e la natura. Ha scritto libri, testi teatrali e programmi radio-televisivi. In ambito femminista ha partecipato al Coordinamento Giornaliste del Piemonte e alla Casa delle Donne di Torino. È tra le fondatrici del Coordinamento contro la Violenza, il Telefono Rosa di Torino, il Centro Studi e Documentazione Pensiero Femminile. È ambasciatrice di We Women for Expo, consulente progettuale di diversi festival letterari e culturali e borsista di ricerca presso l’Università degli Studi di Torino. È ideatrice e responsabile del Concorso letterario nazionale Lingua Madre, destinato alle donne straniere residenti in Italia.


Leopoldo Freyrie. Architetto. Tra i suoi principali progetti le FNAC in Italia, l’edificio Boon the Shop a Seoul, il progetto di co-housing CO22 a Milano e le nuove stazioni elettriche ecocompatibili per Terna Rete Italia SPA. Nel 1984 una sua opera di Design è entrata nella collezione del Staatliches Museum für angewandte Kunst di Monaco. È tra i fondatori del Forum Europeo per le Politiche Architettoniche, e rappresentante del Comitato Consultivo per la Formazione di Architetto presso l’UE. Nel 2004 è stato insignito della AIA Presidential Medal. Dal 2007 è membro del Consiglio Italiano del Design. Dal 2011 al 2016 è stato Presidente del Consiglio Nazionale Architetti PPC. Attualmente è Presidente della Fondazione Riuso per la rigenerazione urbana.


Gaudats Junk Band. Band fondata sulla scelta di utilizzare unicamente strumenti riciclati, nata dall’esperienza di Daniele Guidotti (Gaudats è un’alterazione di Guidotti, suo soprannome). La poetica che ispira il progetto consiste nell’ipotesi che dal concime (materiale di scarto per eccellenza) nascano i fiori più belli, e dal sogno di ricreare da ciò che è destinato ai rifiuti. Attualmente la band è formata da un gruppo di amici e musicisti che danno vita, con la loro esperienza, ad un sound talvolta impensabile, ottenuto suonando rifiuti assemblati. Oggi prestano il loro talento alla Band nomi come Marco Bachi (bassista Bandabardò) e Rick Hutton, volto di Videomusic negli anni ’80-’90 nonché presentatore di Porretta Soul Festival. Anche i costumi di scena sono riciclati.


Wlodek Goldkorn. Scrittore. È stato per molti anni responsabile culturale de L’Espresso. Ha lasciato la Polonia, sua terra nativa, nel 1968, e oggi vive a Firenze. Ha scritto numerosi saggi sull'ebraismo e sull'Europa centro-orientale. È co-autore con Rudi Assuntino di Il Guardiano. Marek Edelman racconta (1998) e con Massimo Livi Bacci e Mauro Martini di Civiltà dell’Europa Orientale e del Mediterraneo (2001). Ha scritto La scelta di Abramo. Identità ebraiche e postmodernità (2006), e con Feltrinelli ha pubblicato di recente Il bambino nella neve (2016).


Pietro Grasso. Entra in magistratura nel 1969. È stato giudice a latere nel primo maxiprocesso a Cosa Nostra e Procuratore Capo a Palermo. Dall’ottobre 2005 al gennaio 2013 è stato Procuratore Nazionale Antimafia; nel marzo 2013 è stato eletto invece Presidente del Senato. Ha pubblicato numerosi libri tra cui Pizzini, veleni e cicoria. La mafia prima e dopo Provenzano (Feltrinelli, 2008).


Bernard Guetta. Giornalista esperto di geopolitica, curatore di una rubrica quotidiana a Radio France Inter. Ha lavorato molti anni per Le Monde, è stato redattore capo di L’Expansion e Le Nouvel Observateur. È editorialista di La Repubblica, L’Express, Libération, Gazeta Wyborcza, Internazionale e l’Espresso.


Amir Issaa. Rapper nato a Roma da madre italiana e padre egiziano. Portavoce dei Ragazzi G2, cura il progetto Potere alle Parole promosso dall’Unar (Unione Nazionale Antidiscriminazioni Razziali) e dall’associazione Il razzismo è una brutta storia. Ha curato la colonna sonora del film Scialla! (2011), ricevendo la nomination ai David di Donatello e ai Nastri d’argento. Musicalmente attivo da più di dieci anni, il suo ultimo album è Ius Music (2014). È fondatore e direttore artistico della Red Carpet Music.


Helena Janeczek. Nata a Monaco di Baviera in una famiglia ebreo-polacca, vive in Italia da trent’anni. Dopo l’esordio con un libro di poesie, sceglie l’italiano per una serie di opere di narrativa che spesso indagano il rapporto con la memoria storica del secolo passato. È autrice di Lezioni di tenebra (Guanda), Cibo (Mondadori) e Le rondini di Montecassino (Guanda), vincitori di numerosi premi. È co-fondatrice del blog collettivo Nazione Indiana e collabora con giornali e riviste letterarie, tra cui Nuovi Argomenti, Lo Straniero, La Repubblica, L’Unità e Pagina ’99.


Nicola Labanca. Docente di Storia Contemporanea presso l’Università di Siena e presidente del Centro Interuniversitario di Studi e Ricerche Storico-Militari. Attualmente si occupa soprattutto di storia militare e storia dell’espansione coloniale italiana. Per quanto riguarda questo secondo campo è autore di Oltremare. Storia dell’espansione coloniale italiana (Bologna, il Mulino, 2002, trad. fr. 2015); In marcia verso Adua (Torino, Einaudi, 1993); Posti al sole. Diari e memorie di vita e di lavoro dall’Africa italiana (Rovereto, Museo storico della Guerra, 2001); Una guerra per l’impero. Memorie dei combattenti della campagna d’Etiopia 1935-36 (Bologna, il Mulino, 2005); La guerra italiana per la Libia 1911-1931 (Bologna, il Mulino, 2012): La guerra d’Etiopia 1935-1941 (Bologna, il Mulino, 2015).


Li Strittuli. Compagnia di musica popolare salentina nata nell’estate 1996, durante una fase di rinascita del genere. Grazie a una fase di ricerca nella zona del brindisino, recuperano i primi canti che ancora oggi fanno parte della scaletta. L’obiettivo del gruppo è quello di riproporre un viaggio nella musica popolare salentina, fatto di pizzica pizzica, pizzica tarantata, stornelli d’amore, canti di lavoro e di protesta. Il gruppo conta apparizioni televisive e partecipazioni a vari festival di musica popolare. Nel 2014 ha vinto il memorial dedicato a Luigi Stifani.


Franco Lo Piparo. Docente di Filosofia del Linguaggio presso l’Università di Palermo. Nel tempo si è specializzato nello studio della lingua siciliana e nella ricerca relativa al contributo glottologico di Gramsci. Tra le sue opere Lingua, intellettuali, egemonia in Gramsci (Laterza 1979), vincitore del Premio Iglesias, Aristotele e il linguaggio (Laterza 2003) e I due carceri di Gramsci Donzelli 2012, insignito del Premio Viareggio.


Elena Loewenthal. Dottore di ricerca in Ebraistica, impegnata nello studio dei testi della tradizione ebraica e nella traduzione della letteratura d’Israele. Collabora come editorialista a La Stampa e a TuttoLibri. Insegna cultura ebraica presso l’Istituto Universitario di Studi Superiori di Pavia. È autrice fra gli altri di Eva e le altre. Letture bibliche al femminile (Bompiani, 2007) e Lo specchio coperto. Diario di un lutto. (Bompiani, 2015). Nel 1999 ha ricevuto dal Ministero dei Beni Culturali un riconoscimento per la sua attività di traduttrice. Dal novembre 2015 è addetto culturale presso l’Ambasciata d’Italia in Israele. 


Franco Lorenzoni. Maestro elementare. Nel 1980 ha fondato la Casa-laboratorio di Cenci ad Amelia, un luogo di ricerca educativa e artistica che si occupa di tematiche ecologiche, scientifiche, interculturali e di inclusione. Per questa attività, nel 2011, ha ricevuto insieme a Roberta Passoni il Premio Lo Straniero. Attivo nel Movimento di Cooperazione Educativa ha recentemente pubblicato I bambini pensano grande (Sellerio) e Orfeo, la ninfa Siringa e le percussioni pazze dei Coribanti (Rrose Sélavy). Collabora alle riviste Cooperazione Educativa, Gli Asini, La vita scolastica e al supplemento culturale domenicale de Il Sole 24 ore.


Marco Lutzu. Etnomusicologo presso l’Università di Cagliari e responsabile scientifico dell’Enciclopedia della Musica Sarda. Da anni conduce ricerche sulla musica di tradizione orale in Sardegna e a Cuba, con particolare attenzione per il rapporto tra musica e sacro, musica e gesto, la poesia improvvisata e il rap. È vicedirettore di Analitica: rivista online di studi musicali. Ha curato tesi e installazioni per la divulgazione della musica con l’ausilio di tecnologie multimediali (App ISRE, Museo Multimediale del canto a tenore di Bitti e Museo Multimediale del canto a tasgia di Aggius). È autore di diversi documentari a carattere etnografico.


Mariano Maugeri. Giornalista e inviato del Sole 24 Ore. Ha raccontato i principali fatti di cronaca degli ultimi vent'anni: dai rigurgiti secessionisti del Nordest all'intreccio tra mafia, politica ed economia; dalla catastrofe di Monnezzopoli in Campania all'invasione dei migranti a Lampedusa, fino alla sequenza sismica inaugurata dalla scossa tellurica di Amatrice. Il suo ultimo libro è Tutti gli uomini del Viceré (Bur Rizzoli). 


Stefano Molina. Dirigente di ricerca presso la Fondazione Agnelli di Torino, dove lavora dal 1988. Nel corso degli anni ha seguito diversi filoni di ricerca, tra i quali gli studi sulle conseguenze sociali ed economiche indotte dalle trasformazioni demografiche e quelli sulle migrazioni internazionali, con particolare attenzione alla crescita in Italia delle cosiddette seconde generazioni. Da quando la Fondazione ha concentrato le sue attività nel campo dell’education ha partecipato alla redazione di diversi rapporti sulla scuola e sull’università. È coordinatore, con Andrea Gavosto, del gruppo di lavoro sull’istruzione dell’ASviS (Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile) nell’ambito dell’Agenda globale 2030 delle Nazioni Unite. È socio fondatore dell’Associazione Neodemos, foro indipendente di analisi dei rapporti tra popolazione e società. 


Luca Molinari. Architetto, critico e professore associato di Storia e Teoria dell’Architettura Contemporanea presso Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli. Collabora come autore indipendente con quotidiani e riviste, quali Corriere della Sera, La Stampa, L’Espresso, Platform, ORIS, World Architecture Magazine, pagina99. Dal ‘95 è responsabile editoriale per il settore Architettura e Design di Skira Editore. Tra il 2000 e il 2003 si è occupato della direzione scientifica del Progetto Portaluppi, e tra il 2001 e il 2004 è stato responsabile scientifico per l’architettura e l’urbanistica alla Triennale di Milano. Dal 2007 è curatore dello SpazioFMG per l’Architettura. Nel 2010 cura Ailati. Riflessi dal futuro, Padiglione Italiano alla XII Mostra Internazionale di Architettura. Il suo studio di curatela e consulenza si è occupato dell’ideazione e dello sviluppo “sartoriale” di mostre, bandi di concorso e pubblicazioni. Nel 2016 ha pubblicato Le case che siamo (Nottetempo editore). (© Giuseppe La Spada)


Hannah Monyer. Capo del Dipartimento di Neurobiologia Clinica della Facoltà di Medicina dell'University of Heidelberg e del German Cancer Research Center (DKFZ) ad Heidelberg. Nel 1982 si laurea in Medicina all'Heidelberg University e nel 1989 ottiene un post-dottorato al Stanford University Medical Center, USA. Dal 1994 al 1999 è stata Professoressa al Zentrum für Molekulare Biologie Heidelberg. Nel 2004 ha ricevuto il Gottfried Wilhelm Leibniz Prize e nel 2005 il Prix Franco-Allemand Gay-Lussac – Humboldt. Le sue ricerche vertono principalmente sui meccanismi cellulari alla base dell'apprendimento e della memoria.


Nando Mura. Un passato da giocatore e allenatore di basket e una carriera giornalistica iniziata nel 1977. È autore di Storia del basket sardo dal 1920 al 2010 e Dinamo Dinamite, la leggenda della Dinamo. Ha aiutato Meo Sacchetti alla stesura della sua biografia, in cui racconta lo scudetto vinto con la Dinamo.


Murdiss Well Rounded. Progetto ideato dai fratelli Samuele e Gianluca Murdaca, con l’intento di incrementare spettacoli di vario genere caratterizzati dall’utilizzo di supporti audiovisivi e musica live. Da dieci anni si esibiscono con band e orchestre.


Nino dove sei? Sinergia artistica fra quattro artisti, curata Raffaella Venturi con la regia di Bruno Venturi, nata nel 2017 in occasione dell’anno gramsciano. Presenta Questa è la tua terra, progetto trasversale per contenuti e linguaggi artistici, che mira a rintracciare Antonio Gramsci in una serie di luoghi reali e simbolici, in un viaggio artistico non convenzionale, corale, pubblico e partecipato. 


Alberto Oliverio. Professore emerito di psicobiologia e docente della stessa materia nell'Università di Roma La Sapienza. Ha lavorato in numerosi istituti di ricerca internazionali, fra Stoccolma, Los Angeles, Maine e California. Dal 1976 al 2002 ha diretto l'Istituto di Psicobiologia e Psicofarmacologia del Consiglio Nazionale delle Ricerche. È stato presidente della Società Italiana di Etologia, dell’Istituto Italiano di Antropologia e della Società Italiana di Neuroetica. Attualmente è membro dell’Académie Européenne Internationale des Sciences di Parigi e fa parte del comitato editoriale di diverse riviste scientifiche. È autore di oltre 400 pubblicazioni scientifiche, saggi professionali, didattici e di divulgazione. Il suo ultimo saggio è Il cervello che impara, Neuropedagogia, Giunti, 2017.


Costanza Papagno. Docente di neuropsicologia presso l'Università Bicocca di Milano e l'Università di Trento. Dirige il Centro di Riabilitazione Neurocognitiva (CeRiN) di Rovereto ed è presidentessa della Società Italiana di Neuropsicologia (SINP). Ha lavorato presso la Clinica Neurologica dell'Università di Friburgo e il Medical Research Council di Cambridge. Da sempre si occupa di disturbi di memoria verbale a breve termine e afasie.


Vittorio Pelligra. Docente associato presso l’Università di Cagliari, Invited Professor presso l’International University Institute Sophia di Loppiano-Firenze e membro del comitato scientifico della SEC-Scuola di Economia Civile. È Ph.D. in Economia presso la University of East Anglia (Norwich, UK). Si occupa di economia sperimentale, comportamentale e civile, nonché progettazione istituzionale. È co-fondatore del movimento Slotmob e delle società Wecoop e Smartlab.


Filippo Petrucci. Dottore di ricerca in Storia dell'Africa, e grazie a diverse borse di studio in Italia e all’estero ha focalizzato i suoi studi sulle comunità ebraiche in Africa del Nord. Le sue aree di competenza sono l’ebraismo in Nord Africa in età contemporanea e moderna, e le dinamiche storiche e politiche in Nord Africa, Medio Oriente e Israele. Giornalista pubblicista, è un componente del Centro di Studi Africani in Sardegna (CSAS) e di AFFRICA.org, attraverso i quali fa attività di divulgazione sulle molteplici realtà del continente africano. Ha recentemente pubblicato Minoranze religiose in Africa. I casi delle comunità ebraiche di Tunisia e Uganda (Aracne 2016, insieme alla dottoressa Isabella Soi).


Caterina Pinna. Giornalista. Dopo la laurea in Giurisprudenza inizia la carriera giornalistica presso la redazione dell’Unione Sarda. Ha lavorato nelle maggiori città della Sardegna, e in seguito a diversi anni passati a occuparsi di cronaca, attualmente è caposervizio in cultura e spettacoli.


Jo×e Pirjevec. Nato a Trieste, PhD e membro della Slovenian Academy of Sciences and Arts come Consigliere di Ricerca. Dal 2003 è capo del Dipartimento di Storia alla Facoltà di Scienze Umane dell’University of Primorska. Dal 2006, è membro del consiglio onorario dell'EUROCLIO (European Association of History Educators). Nel 2007, gli è stato riconosciuto il titolo di Ambassador of Science della Repubblica di Slovenia. Il suo ultimo libro è Slovenian Economic and Political Migration to the Americas in the Last 150 Years (Cambridge Scholars Publishing, 2013).


Andrea Poli. Laureato in medicina e specializzato in Farmacologia clinica presso l’Università di Milano. Dopo un periodo di studio a Heidelberg, per un programma di ricerca sul metabolismo lipoproteico, ha lavorato presso il Dipartimento di Scienze Farmacologiche dell’Università di Milano alla misurazione in vivo dello spessore della parete arteriosa, mediante ecotomografia ad alta definizione. Dal 1990 collabora con la Nutrition Foundation of Italy, di cui è Direttore Scientifico dal 1995 e Presidente dal 2014. È autore di oltre 120 pubblicazioni su riviste nazionali e internazionali, ed editor di numerosi volumi. Da alcuni anni è membro del Comitato di Controllo dell’Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria.


Andrea Possenti. Primo Ricercatore nell’Istituto Nazionale di Astrofisica di Bologna. È stato direttore dell'Osservatorio di Cagliari per oltre sette anni, e la sua ricerca è incentrata principalmente sulle stelle pulsar, per indagare le quali trascorre lunghi periodi in Australia e negli USA. È uno dei pochi scienziati europei ad aver vinto il Premio Cartesio, grazie alla scoperta di oltre 700 radiopulsar, ed è tra i fondatori dell'EPTA. Dall’agosto 2015 è uno dei due chair del gruppo dedicato alla scienza delle pulsar nel quadro dello sviluppo di SKA (Square Kilometer Array), il più grande progetto mondiale mai concepito di Radio Astronomia. È attivamente impegnato nella divulgazione astronomica, rivolta soprattutto a giovani e giovanissimi, ed è autore di Eclissi e Comete.


Antonio Prudenzano. Giornalista. Dal luglio 2014 è il responsabile editoriale di ilLibraio.it. In precedenza ha curato la sezione Libri&Editori del quotidiano online Affaritaliani.it. Ha collaborato, tra gli altri, con il settimanale D di Repubblica e il mensile BlowUp. Si occupa di cultura, media, musica, sport e attualità. (© Yuma Martellanz)


Gigi Riva. Bergamasco, editorialista del gruppo l’Espresso. È stato per 25 anni inviato speciale de Il Giorno e l’Espresso, seguendo i conflitti nei Balcani e in Medioriente.  È autore di L’ultimo rigore di Faruk (Sellerio, 2016), pubblicato anche a Parigi col titolo Le dernier pénalty (Seuil), dove ha vinto il Prix Etranger Sport et Littérature come miglior libro straniero pubblicato in Francia nel 2016. È autore poi de I muri del pianto (Utet - De Agostino, 2005) sul conflitto israelo-palestinese; L'Onu è morta a Sarajevo (con Zlatko Dizdarevic, Saggiatore 1995) e Jugoslavia il nuovo Medioevo (con Marco Ventura, Mursia 1992). Ha scritto con altri le sceneggiature de Il Carniere (1997, regia di Maurizio Zaccaro, nomination al David di Donatello e vincitore del Premio Amidei), Nema problema (2004, regia di Giancarlo Bocchi) e Il sorriso del capo (2011, regia di Marco Bechis). 


Davide Ruffinengo. Librario itinerante. Il suo progetto, Profumi per la Mente, rappresenta un nuovo modo di fare il libraio: con una libreria viaggiante porta idee e libri nelle case, a scuola, nei teatri e in azienda con l'obiettivo di dare loro voce e rigenerare la curiosità dei lettoriHa pubblicato per EDT Viaggio nel paese che non c'è (2015), una mappa per inventare storie.


Ugo Rufino. Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura a Cracovia. Dopo il Dottorato Europeo in Filologia Italiana ha pubblicato saggi di storiografia e letteratura, didattica della storia e della letteratura e sull’avanguardia futurista italiana. Ha partecipato a convegni e gruppi di ricerca del Centro studi del Movimento di liberazione in Italia e delle riviste Italia Contemporanea e I Viaggi di Erodoto. Dal 1984 al 1993 è stato docente di Filosofia e di Letteratura a Milano; dal 1993 al 2001 è stato lettore di lingua e letteratura italiana a Tegucigalpa, Cáceres e Granada. È stato addetto culturale negli Istituti Italiani di Cultura di Madrid e Lisbona e membro della Commissione Nazionale UNESCO. 


Romeo Sacchetti. Ex cestista e oggi allenatore di pallacanestro, attualmente alla guida dell’Enel Brindisi. Con la Nazionale, da giocatore, fu tra i protagonisti dell'argento olimpico di Mosca del 1980, nonché dell'oro europeo di Nantes del 1983. Alla guida della Dinamo Banco di Sassari conduce la squadra sassarese alla vittoria dei suoi primi trofei nazionali, conquistando la Coppa Italia per due edizioni consecutive, la Supercoppa e lo scudetto (2015). Nel 2016 è eletto nella Basket Hall of Fame italiana, massimo riconoscimento conferito dalla Federazione Italiana Pallacanestro. 


Stefano Salis. Giornalista presso Il Sole 24 Ore. È stato vicecaporedattore del supplemento culturale Domenica 24 e attualmente è responsabile della sezione Commenti & Inchieste. È esperto di editoria, collezionismo, bibliofilia e grafica editoriale, e ha insegnato all’Università Statale di Milano per tre anni (2006-2009) nel Laboratorio di Giornalismo della Facoltà di Lettere. Scrive regolarmente sull’annuario Tirature su temi di editoria. Ha curato l’edizione del volume Sciascia, eretico del genere giallo (2006) e l’edizione italiana di Fame di realtà (2010). Ha curato i libri, in tiratura limitata, Certi paraventi sono stati disegnati due volte di Piero Fornasetti e il volume di Walter Benjamin Che cosa regalare a uno snob. Ha curato mostre di grafica editoriale, fra cui quella sulle copertine di Andrea Camilleri portata anche a Cagliari (Bologna, Cagliari, Stoccolma, Malaga).


Christian Salmon. Scrittore e ricercatore al Centre de Recherches sur les Arts et le Langage di Parigi. Nel 1993 fonda il Parlement international des écrivains, associazione di solidarietà verso gli scrittori perseguitati, che guida fino al 2003. Scrive di comunicazione e la sua opera più recente è Les derniers jours de la V République (Fayard, 2014). Nel 2013 ha ricevuto il Prix de l'Essai dell'Express per La Cérémonie cannibale, de la performance politique (Fayard, 2013). Scrive per il quotidiano Le Monde, per il quale ha seguito le elezioni presidenziali americane del 2008 e quelle francesi del 2012. Dal 2014 collabora con Mediapart e La Repubblica.


Vincenzo Santoro. Negli anni dell’Università prende parte al movimento studentesco La Pantera e inizia un percorso di approfondimento sui temi della rappresentanza studentesca e del diritto allo studio, che in seguito sviluppa collaborando alla fondazione del sindacato studentesco Unione degli Universitari. Parallelamente si dedica allo studio delle culture e delle musiche tradizionali, concentrandosi soprattutto sulla sua terra di origine, il Salento. Insieme a Sergio Torsello ha pubblicato Il Ritmo meridiano. La pizzica e le identità danzanti del Salento (2002). Dal 2004 lavora presso l'Associazione Nazionale dei Comuni Italiani, dove attualmente è responsabile del Dipartimento Cultura e Turismo.


Caterina Soffici. Fiorentina, vive a Londra con il marito e due figli. Dopo l’esordio con Nessuno può fermarmi (Feltrinelli), ha pubblicato anche il bestseller Ma le donne no (2010) e Italia Yes Italia No (2014). Scrive per La Stampa, Vanity Fair e Il Venerdì di Repubblica. Collabora con il Ministry of Stories e il laboratorio di Hoxton, dove insegna l’importanza della creatività, del racconto e della memoria.


Laurence Tubiana. Presidentessa ed amministratrice delegata della European Climate Foundation (ECF), nonché presidentessa del Consiglio d’amministrazione all'Agenzia Francese per lo Sviluppo (AFD) e docente alla Sciences Po di Parigi. È stata portavoce francese per il cambiamento climatico e Rappresentante Speciale alla Conferenza di Parigi sui cambiamenti climatici. In seguito è stata nominata High Level Champion per il suo attivismo nel settore. Attualmente si occupa di energia, agricoltura e sviluppo sostenibile, lavorando a stretto contatti con i governi, think tanks, ONG e il mondo accademico. Ha pubblicato numerosi articoli e libri.


Bernardo Valli. Giornalista. Dopo un primo tirocinio presso il quotidiano L'Italia, costruisce una carriera lavorando per Il Giorno, il Corriere della Sera e la Repubblica, occupandosi di politica internazionale. In qualità di corrispondente internazionale segue la sollevazione generale in Venezuela, la rivoluzione algerina, le vicende di Cuba, Vietnam, India, Cina, Cambogia ed Iran. Nel 1998 ha ricevuto il Premio Saint Vincent per il giornalismo.


Laila Wadia. Indiana, narrastorie translingue, traduttrice e interprete. Da sempre sensibile ai temi dell’identità, della migrazione e delle donne scrive racconti, romanzi, poesie, articoli giornalistici, sceneggiature per film e teatro. Tra le sue pubblicazioni Il burattinaio e altre storie extra-italiane (Cosmo Iannone, 2004), Come diventare italiani in 24 ore (Barbera, 2010), e Kitchensutra (2016). È del 2016 il film Babylon Sisters, tratto dal suo romanzo Amiche per la pelle (e/o, 2007). Oggi vive a Trieste, dove insegna inglese all’Università.


Edoardo Zanchini. Architetto e vicepresidente nazionale di Legambiente, responsabile delle politiche climatiche, internazionali e urbane. È stato ricercatore e docente presso l’Università di Roma e Pescara, e attualmente è membro del board di RGI (Renewables Grid Initiative), della SOS School of Sustainability e del Consiglio Direttivo del Coordinamento FREE (Coordinamento Fonti Rinnovabili ed Efficienza Energetica). È autore di diversi saggi in materia di energia, territorio e sostenibilità, e cura insieme a Duccio Bianchi il rapporto annuale Ambiente Italia.