Z

Ospiti delle passate edizioni


Questo è l'elenco con le biografie degli ospiti che Leggendo Metropolitano ha avuto il piacere di ospitare dalla prima edizione ad oggi.

Alessandro Zaccuri. Nato a La Spezia nel 1963. Critico letterario del quotidiano “Avvenire”, ha esordito come narratore nel 2003 con il reportage “Milano, la città di nessuno” (l’Ancora del Mediterraneo, premio Biella – Letteratura e Industria). Da Mondadori ha pubblicato i romanzi “Il signor figlio” (2007, finalista al premio Campiello) e “Infinita notte” (2009). È inoltre autore dei racconti e di alcuni saggi su temi dell’immaginario contemporaneo.Collabora a diverse riviste, tra cui “Nuovi Argomenti” e “Link”.

Vladimiro Zagrebelsky. Nato a Torino nel 1940, la sua esperienza caratterizzante è quella giudiziaria. È stato componente del Consiglio Superiore della Magistratura, a capo dell’Ufficio Legislativo del Ministero della Giustizia. Ha presieduto la Commissione ONU Vienna, per la prevenzione del crimine e la giustizia penale per l’anno 2000-2001. Il 25 aprile 2001 è stato eletto giudice della Corte europea dei diritti dell’uomo dall’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa. Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine al merito della Repubblica italiana (2010). Socio corrispondente dell’Accademia delle Scienze di Torino. Dal 2010 direttore del Laboratorio dei Diritti Fondamentali LDF di Torino.

258

Stefano Zamagni. (Rimini, 1943) è professore ordinario di Economia Politica all’Università di Bologna e Adjunct Professor of International Political Economy alla Johns Hopkins University, Bologna Center. È Presidente del Comitato Scientifico di AICCON ed è direttore dell’Osservatorio Nazionale per la Famiglia. Molteplici sono le onorificenze, i riconoscimenti e le appartenenze ad accademie. Dal 1999 è membro della New York Academy of Sciences, New York. Nel 2010 gli è stato conferito il Premio Giorgio La Pira per la pace.; Il Premio per il Dialogo tra i Popoli e la Cultura, Centro Francescano Internazionale. Nel 2011, il Premio Greenaccord “Sentinella del Creato”, Roma. E’ socio effettivo della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali (Città del Vaticano). E’ autore inoltre di numerose pubblicazioni tra cui: Libro Bianco sul Terzo Settore (2011). Famiglia e lavoro (2012), Impresa responsabile e mercato civile (2013) e i libri Per un’economia a misura di persona (2012); Handbook on the Economics of Reciprocità and Social Enterprise (2013)

Pedro Zarraluki, nato a Barcellona nel 1954, ha pubblicato quattro libri di racconti, l’ultimo dei quali, Te espero dentro, è già alla terza edizione a due mesi dall’uscita.Inoltre, ha pubblicato diversi romanzi, quali Il custode delle rane (Feltrinelli), insignito del Premio Ciudad de Barcelona e El Ojo Crítico, Para amantes y ladrones (Anagrama), La storia del silenzio (Neri Pozza), Premio Herralde de Novela, Un’estate a Cabrera (Neri Pozza), Premio Nadal 2005, e Il piacere e la noia  (Neri Pozza). Le sue opere sono state tradotte in numerose lingue.

260

Daniela Zempt. Nata, vive e lavora a Cagliari. Ama i libri a tal punto da aver messo su, insieme alla socia Marcella Saddi, la casa editrice Tiligù, dedicata anche e soprattutto ai libri per ragazzi. È autrice delle strambe avventure feline dei Passeggioni, collana di brevi racconti illustrati con 4 volumi finora pubblicati. I passeggioni (2007), I passeggioni e il gatto all'indietro (2008), I passeggioni e il palazzo di sale (2008), I passeggioni e la danza del sonno(Novembre 2009).

Alice Zeniter. Ha studiato teatro a Parigi e insegnato francese in Ungheria. Talento letterario precoce, ha pubblicato il suo primo romanzo a soli sedici anni. “Indovina con chi mi sposo” (E/O 20011) è il suo secondo romanzo, con cui ha vinto il Prix de la Porte Dorée, conferito a opere che abbiano messo particolarmente in risalto le questioni dell’esilio, dell’immigrazione e della cittadinanza.

Giovanni Ziccardi. Avvocato, pubblicista e professore di Informatica Giuridica presso l’Università degli Studi di Milano, dove ha fondato un Corso di perfezionamento in Investigazioni Digitali e Data Protection. Insegna criminalità informatica al Master in diritto delle nuove tecnologie dell’Università di Bologna. Dal 1984 ha iniziato a frequentare gli scenari hacker nazionali e internazionali, incontrandone molti esponenti e studiandone l’evoluzione. Sull’argomento ha scritto il saggio Hacker – Il richiamo della libertà (Marsilio, 2011) e il thriller L’ultimo hacker (Marsilio, 2012). Nei suoi ultimi lavori racconta la resistenza elettronica, la società controllata, le espressioni d’odio e il lutto nella società tecnologica. Dirige la rivista scientifica Ciberspazio e Diritto; collabora con il Mulino, Doppiozero, il Fatto Quotidiano, il Corriere della Sera e l’Enciclopedia Italiana Treccani. 

440

Marco Zurru. È nato ad Iglesias nel 1964. Dal 2005 è Professore Associato presso il Dipartimento di Scienze Sociali e delle Istituzioni dell'Università di Cagliari, dove insegna Sociologia Economica. Ha collaborato con La Presidenza del Consiglio dei Ministri per la costruzione di politiche locali di emersione dal lavoro nero; con la Regione Autonoma della Sardegna in qualità di esperto nella Consulta degli immigrati, per la quale ha definito il Piano Triennale per l’immigrazione nell’Isola; è membro del Centro Studi di Relazioni Industriali. Tra le sue ultime pubblicazioni: Asili nido e qualità del servizio (Ediesse, 2014) e Politiche per l'alta formazione e brain drain (Ediesse, 2015).

389