C

Ospiti delle passate edizioni


Questo è l'elenco con le biografie degli ospiti che Leggendo Metropolitano ha avuto il piacere di ospitare dalla prima edizione ad oggi.

Antonello Cabras. Nato a Sant’Antioco nel 1949. È un ingegnere e ha insegnato nell'Istituto Minerario di Iglesias. È Presidente della Fondazione di Sardegna dal 2013. È stato, prima Sindaco di Sant'Antioco e, successivamente Consigliere, Assessore alla Programmazione e Presidente della Regione Autonoma della Sardegna. Parlamentare per quattro legislature, è stato Senatore e Deputato. Durante i propri mandati ha ricoperto gli incarichi di Sottosegretario al Commercio Estero, Vicepresidente della Commissione Esteri del Senato e Presidente della Delegazione parlamentare italiana presso l'Assemblea parlamentare della NATO.

Massimo Cacciari. Professore emerito di filosofia all'università San Raffaele di Milano. Condirettore di riviste e autori di libri che hanno segnato il dibattito culturale e filosofico italiano degli ultimi quarant'anni. Numerosi i riconoscimenti, dalle lauree honoris causa in architettura, scienze politiche, filologia classica, ai premi Hannah Arendt, Francesco De Sanctis, Accademia di Darmstadt, medaglia d'oro del Círculo de Bellas Artes de Madrid. Fra gli altri scritti passati, di estremo rilievo, per Adelphi: Labirinto filosofico (2014), Il potere che frena (2013), Tre icone (2007), Re Lear. Padri, figli, eredi (Saletta dell’Uva, 2015).

Angelica Edna Calò Livné, romana di nascita, vive in Israele nel Kibbuz Sasa sulla frontiera del Libano. Fonda e coordina la Fondazione Beresheet LaShalom dal 2001 con il Teatro Multiculturale Arcobaleno, in piena Intifada, per avvicinare i ragazzi di differenti etnie, religioni, tradizioni ed educare al dialogo attraverso l'arte. Nel corso di questi ultimi anni ha collaborato con la Cattedra Transdisciplinare UNESCO "Sviluppo Umano e Cultura di Pace" dell'Università di Firenze, con la Commissione Europea. Per la sua attività ha ricevuto diversi riconoscimenti tra i quali una candidatura al Nobel per la Pace nel 2005 e il Cavalierato dell’Ordine della Stella della solidarietà italiana.

Nato a Pompton Plains, nel New Jersey, nel 1959, è uno scrittore statunitense. Ha frequentato per due anni la American  School a Londra, dove ha scoperto la passione per la lettura e ha iniziato a scrivere racconti, poesie e pièce teatrali. Nel 1982 si laurea all’Hamilton College, nello stato di New York, in Letteratura inglese. Nel 1983 ha venduto il suo primo racconto al «The New Yorker», rivista con cui collabora per diversi anni. Il suo primo romanzo In un modo o nell’altro è stato pubblicato in Italia nel 1987 da Rizzoli. Di Peter Cameron Adelphi ha pubblicato Quella sera dorata (2006), Un giorno questo dolore ti sarà utile (2007) da cui è tratto l’omonimo film di Roberto Faenza - e Paura della matematica (2008). Il suo ultimo romanzo Coral Glynn (edito da Adelphi) sarà nelle librerie italiane il 9 maggio 2012. Le sue ultime opere sono Il weekend (Adelphi, 2013), e Andorra (Adelphi, 2014).

Editorialista del “Manifesto”, esperto in questioni sindacali. Nato a Macerata nel 1948, è laureato in chimica e ha lavorato come insegnante nella scuola media. Passato al giornalismo nel ‘78, per circa dieci anni ha diretto la redazione torinese del “Manifesto”. Nel corso del ‘97, per lo stesso quotidiano, ha svolto il ruolo di inviato per le questioni europee, poi di caposervizio dell’economia, quindi di caporedattore. È autore del libro “Non Fiat. Come evitare di svendere l’Italia”.

Mimmo   Cándito,   corrispondente   di   guerra, inviato  speciale  e  commentatore  di  politica  in-ternazionale  per  il  quotidiano  “La  Stampa”,  ha vissuto in prima linea i drammi e i conflitti delle popolazioni  di  mezzo  mondo,  dall’Asia  all’Africa,  dal  Golfo  Persico all’America Latina. I suoi ultimi libri sono: I reporter di guerra - storia di un mestiere difficile, da Hemingway a Internet e Il  braccio  legato  dietro  la  schiena  -  Storie  dei  giornalisti  in guerra.  Insegna Teoria  e Tecniche  del  linguaggio  giornalistico’  all’Universita`  di  Torino  e  dirige  “L’Indice  dei  Libri”.  E` presidente  italiano  dell’organizzazione  non  governativa  internazionale “Reporters sans frontieres”.

Piero Cannizzaro. Autore e regista. Isole, musica, guerra, città sotterranee, spiritualità e sviluppo sociale: questi i temi principali del suo lavoro, oggi incentrato in prevalenza nel glocal e nella musica etnica. Ossigeno è uno dei suoi più recenti docu-film, presentato in anteprima nel 2012 al Courmayeur Noir Festival. 

Vinicio Capossela. È il musicista italiano più aperto a sperimentazioni e contaminazioni, e fra i cantautori che hanno saputo reinventare meglio il linguaggio della canzone con testi ricercati, ricchi di prestiti e allusioni letterarie (Bukowski, Fante, Céline). Il suo primo album, All’una e trentacinque circa, pubblicato nel 1990, ha vinto la Targa Tenco come migliore opera prima. La radio e la scrittura sono confluiti nel percorso artistico di Vinicio Capossela a più riprese: i suoi due primi lavori radiofonici, l’adattamento del Canto di Natale di Charles Dickens (2001) e il radioracconto originale I cerini di Santo Nicola – Racconto infiammabile per voci, suoni e canzoni (2002), Il suo primo romanzo, Non si muore tutte le mattine (Feltrinelli, 2004) e, nel 2015, Il paese dei coppoloni (Feltrinelli).

Palermo, 1975, filosofo italiano, consulente editoriale(FR). È uno dei fondatori di: due punti edizioni di Palermo. Ha tradotto Aristotele (tra i vari, per BUR). I suoi ambiti di ricerca sono: filosofia, cultura visuale, cultura del mondo antico, storia della scienza, storia dell’immaginario.

Attrice impegnata in un lavoro di ricerca dei diversi linguaggi teatrali, opera nel territorio nazionale e internazionale da trent’anni, portando in scena opere di repertorio di autori classici e contemporanei attraverso diverse esperienze di teatro, cinema, televisione e produzioni radiofoniche. Socia del Teatro di Sardegna dal 1975. Innumerevoli le collaborazioni nel corso della sua carriera, tra le ultime: la messa in scena di “Sangue dal cielo” tratto dal romanzo di Marcello Fois per la regia di Guido De Monticelli; il musical “Dal vapore ti scrivo” di Mariangela Sedda di cui è protagonista con Elena Ledda e Mauro Palmas.

Ilide Carmignani è nata e vive in Toscana. Si è laureata all’Università di Pisa e specializzata in Letteratura spagnola e ispanoamericana e in Traduzione letteraria alla Brown University e all’Università di Siena. Fra gli autori che ha tradotto: Bolaño, Borges, Cernuda, Cortázar, Fuentes, García Márquez, Neruda, Onetti, Paz, Sepúlveda. Nel 2000 ha vinto il I Premio di Traduzione Letteraria dell'Instituto Cervantes e nel 2013 il Premio Nazionale di Traduzione del Ministero per i Beni Culturali.

È nato nel 1973. Si è laureato in Giurisprudenza con una tesi su Luigi Chiatti, il “Mostro di Foligno”, per poi seguire i corsi di specializzazione in criminologia e scienza del comportamento. Nel 1999 ha iniziato l’attività di sceneggiatore per cinema e televisione. Fra le altre, ha scritto la sceneggiatura di “Nassirya - Prima della fine” per Canale 5 ed è autore di soggetto e sceneggiatura della miniserie thriller “Era mio fratello” per Raiuno. Vive a Roma. Donato Carrisi è l’autore italiano di thriller più venduto nel mondo. I diritti di traduzione dei suoi libri sono stati venduti in 23 paesi, dal Brasile alla Cina, dall’Inghilterra agli Stati Uniti d’America

Da  27  anni si occupa  di  teatro.  Direttore  Artistico  della  Compagnia  Bocheteatro  di  Nuoro dal  1988,  lavora  per  il  cinema  ,  la  televisione e  la  radio.  Dal  1987  al  1991  frequenta  la  Scuola  del    Roy Hart Theatre,  a  Lasalle,  nel  sud  della  Francia,  dove  studia recitazione,  canto,  teatro-danza. Approfondisce  i  suoi  studi a Granada e Madrid. Tra le sue opere ricordiamo per il cinema La destinazione (2002); Jimmy della collina (2007); 20 sigarette  per  Nassirya  (2009)  in  uscita  nei  cinema.  Per  la televisione ha partecipato in qualità di attore in film e fiction: Il sequestro Soffiantini  (2001), Cefalonia  (2004  ) L’ultima frontiera  (2006), Il  mostro  di  Firenze  (2009) Tutti  pazzi  per amore (2009/2010).

Raul Caruso. Ricercatore e docente in Politica Economica presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Dal 2007 dirige negli USA la rivista Peace Economics, Peace Science and Public Policy e il Network of European Peace Scientists, ed è responsabile del capitolo italiano dell’Economists for Peace and Security. Per la sua attività è stato insignito di numerosi premi nell’ambito dell’economia della pace.

nasce a Cusco, in Perù, nel 1982. Adottata da genitori italiani, si è trasferita a Roma, dove ha studiato – presso la Facoltà di Lettere e Filosofia – Critica Letteraria e Letteratura Comparata. Il suo racconto, Donne fatte di mais e spighe di grano, ha vinto il Primo Premio del X° Concorso letterario nazionale Lingua Madre. “La vicenda, costruita su destini incrociati, crea un ponte tra due emigrazioni diverse (per tempo, luogo e circostanze) eppure così simili nelle risonanze interiori delle protagoniste. Il racconto è scritto con una lingua consapevole e contaminata”.

Marco Cassini (1970) è il co-fondatore di “minimum fax”. È autore di una monografia su Ray-mond Carver (Carver, Gribaudo Paravia 1997) e ha curato per Minimum Fax Beats & bites (1996), una raccolta di citazioni, interviste e saggi sulla beat generation. Insieme a Martina Testa ha curato l’antologia Burned Children of  America  (Minimum  Fax,  2001),  una  raccolta  di  racconti inediti  scritti  dai  più  promettenti  giovani  autori  americani  di oggi. Nel 2008 è uscito Refusi, Diario di un editore incorreggibile, edito da Laterza.

Nato a Castellammare di Stabia nel 1970, si diploma nel 1993 alla scuola del Teatro Stabile di Torino diretta da Luca Ronconi, è attore, scrittore e regista teatrale. La sua carriera parte con l’interpretazione di Pilade e Calderon di P. P. Pasolini con la regia di Luca Ronconi. Dal 1996 guida il Laboratorio Permanente di Ricerca Sull’Arte dell’Attore, il cui proposito e pratica quotidiana sono la creazione di azioni teatrali e spettacoli e la formazione di attori. Nel 1999 Castaldo viene insignito del Premio Giuseppe Bartolucci alla attività di ricerca. Con l’equipe del Laboratorio Permanente è attore in Fantasmi d’acciaio diretto da B. Rosso nel 2004. Nel 2007 dirige lo spettacolo musicale “Suona Napoli... Oppur muori”, in coproduzione con i BimBumBrass e il STT. Nell’aprile del 2012 il Lab.

Perm. e Domenico Castaldo sono particolarmente orgogliosi per aver vinto un bando del Ministero della Cultura cileno per offrire una serie di seminari formativi sull’Arte dell’Attore in sei università del Cile.

Francesco Cataluccio si è laureato in Filosofia a Firenze e ha studiato Letteratura e Storia dell’Arte a Varsavia. Si occupa dei programmi culturali di Frigoriferi Milanesi. Scrive su il Post e doppiozero. Ha curato le edizioni italiane delle opere di Witold Gombrowicz e Bruno Schulz. Ha scritto: Immaturità. La malattia del nostro tempo (Einaudi, 2004 e nuova edizione ampliata 2014);

Che fine faranno i libri? (Nottetempo, 2010); Vado a vedere se di là è meglio. Quasi un breviario mitteleuropeo (Sellerio, 2001; Premio Dessì per la letteratura 2010);

Chernobyl (Sellerio, 2011); L’ambaradan delle quisquiglie (Sellerio, 2012); La memoria degli Uffizi, (Sellerio, 2013). E' Blogger de “Il Fatto Quotidiano” e collaboratore de "Il Sole24ore"; quando può, abita a Venezia.

Cristiano Cavina nasce a Casola Valsenio nel maggio del 1974 e c’è ancora dentro fino ai capelli: Made in Casola è il marchio in calce ai suoi romanzi e alle sue mail. Si nutre di storie fin da piccolo, ascoltando i racconti dei vecchi al bar; quando poi scopre i libri, la sua strada è tracciata. Scrive di cose che conosce bene: la sua infanzia in Alla grande (premio Tondelli) e Un’ultima stagione da esordienti; l’epopea di Nonna Cristina in Nel paese di Tolintesàc; la sua storia di figlio senza padre e di padre fuori dagli schemi nei Frutti dimenticati (premio Castiglioncello, premio Vigevano, premio Serantini, Selezione premio Strega); il lavoro nell’immensa cava di gesso alle porte di Casola Valsenio in Scavare una buca; i suoi anni di scuola superiore in Inutile Tentare Imprigionare Sogni.

Filippo Ceccarelli. Nato a Roma nel 1955, giornalista nella Prima, Seconda e forse Terza Repubblica. Ha lavorato a Panorama, La Stampa e dal 2005 a la Repubblica. Ha scritto diversi libri sul potere in Italia. Nell’aprile del 2015 ha donato il suo quarantennale archivio di documentazione politica, di costume e di umanità varia alla Biblioteca della Camera dei deputati.   

Massimo Cerulo. È ricercatore in Sociologia generale presso il Dipartimento di Scienze Politiche dell'Università di Perugia e visiting professor presso le università di Parigi (Sorbonne V René Descartes) e Lugano (USI). Ha insegnato e ricercato nelle università di Berlino, Lisbona, Londra, Parigi e, in Italia, a Torino, Salerno, Cosenza. È autore di numerosi libri di indagine sociologica tra cui: Gli equilibristi. La vita quotidiana del dirigente scolastico: uno studio etnografico (Rubbettino 2015), Maschere quotidiane. La manifestazione delle emozioni dei giovani contemporanei: uno studio sociologico (Rubbettino 2015), La società delle emozioni (Orthotes 2014), Emozioni e ragione nelle pratiche sociali (con F. Crespi, Orthotes 2013), Emozioni primarie (con L. Iaccarino, Guida 2011), La danza dei caffè (Pellegrini, 2011)

Aaron Ciechanover è nato a Haifa, in Israele, nel 1947. È Professore emerito nella ricerca del Technion - Israel Institute of Technology, di Haifa. Ha ottenuto un M.Sc. (1971) e un MD (1973) presso l'Università Ebraica di Gerusalemme. In collaborazione con il Dr. A. Irwin Rose dal Fox Chase Cancer Center di Philadelphia (USA), ha scoperto che il legame covalente della proteina ubiquitina segnala degradazione ed è alla base di meccanismi patogenetici di alcuni tumori e malattie neurodegenerative. Tra i numerosi premi ricevuti, l’Albert Lasker Award 2000, il Premio Israele 2003 e il Premio Nobel 2004 per la chimica.

Bill Clegg. Agente americano, è autore dei memoir Ritratto di un tossico da giovane (Einaudi, 2011) e 90 giorni (Il Saggiatore, 2013). Mai avuto una famiglia (Bompiani, 2016) è il suo primo romanzo. È stato selezionato per il National Book Award, il Man Booker Prize, la Andrew Carnegie Medal ed è stato definito uno dei migliori libri del 2015 tra gli altri dal Library Journal, da Booklist, dal Guardian, da Kirkus Reviews.

Coder Dojo Cagliari è un laboratorio di creatività informatica e di programmazione giocosa, totalmente gratuito, e su base volontaria, dedicato a bambini e ragazzi, che si ispira al movimento internazionale Coder Dojo.

L’obiettivo è quello di avvicinare i più giovani all’arte della programmazione in maniera informale e divertente.

Coder Dojo Cagliari nasce dall’incontro fra realtà locali che si occupano di divulgazione scientifica e animazione tecnologica (Linguaggio Macchina, Sardiniaweb e Sardus Sapiens) in collaborazione con l’Open Campus di Tiscali.

Giulia Cogoli. Si occupa di editoria e comunicazione culturale da quasi trent’anni. Laureata presso l’Università Cattolica di Milano con una tesi di Teoria e Tecnica della Comunicazione, ha lavorato per agenzie di comunicazione, per Mondadori, per Bertelsmann - Mondadori, con la sua società ha ideato e realizzato premi letterari, rassegne culturali, festival, progetti editoriali e di comunicazione. È stata ideatrice e direttrice per le prime dieci edizioni del Festival della Mente di Sarzana (2004-2013), ha ideato e dirige il festival di antropologia culturale Pistoia - Dialoghi sull’uomo, quest’anno alla sua settima dizione, ha ideato il festival Il senso del ridicolo di Livorno. Ha fatto parte del Consiglio di Amministrazione della Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura di Torino (2014- 2015). 

Ester Cois. È ricercatrice in Sociologia dei Processi Culturali e Comunicativi presso il Dipartimento di Scienze Sociali e delle Istituzioni dell'Università degli Studi di Cagliari, dove insegna Politiche per le Pari Opportunità. I suoi interessi di ricerca vertono sull'evoluzione delle costellazioni familiari in prospettiva comparata tra i regimi di Welfare, sull'impatto delle dinamiche di sesso, genere e orientamento sessuale nei processi di definizione dei comportamenti e delle rappresentazioni sociali e sui fenomeni di disuguaglianza nell'accessibilità e fruizione degli spazi pubblici e privati in ambito urbano. E' Managing Editor della rivista scientifica Sociologica. Italian Journal of Sociology on Line, edita da Il Mulino.

Direttrice del MAN, Museo d’arte della Provincia di Nuoro dal 1997. Nel 2004 le viene riconosciuto il premio ABO d’argento come miglior giovane direttore di museo italiano e nel 2006 riceve il premio come direttore del MAN come luogo di eccellenza nel panorama museale italiano. E’ inoltre membro del consiglio direttivo di AMACI-Associazione Musei d’arte contemporanea in Italia.

Avezzano, 4 luglio 1963, è una politica italiana del Partito democratico.

Alle elezioni politiche italiane del 2008 è stata candidata in Puglia per il PD ed è stata eletta deputato, unica omosessuale dichiarata in Parlamento. È vicepresidente di D52, rete di donne a sostegno della parità di genere.

Gilberto Corbellini è uno storico della Medicina, studioso di Bioetica ed Epistemologia Medica. Laureato in filosofia e dottore di ricerca in Sanità pubblica, ha iniziato la sua attività di ricerca studiando la sanità pubblica e approfondendo vari aspetti della storia e della filosofia delle scienze biomediche. Ha rivolto particolare attenzione alla storia delle immunoscienze e delle neuroscienze, all'evoluzione dei modelli eziologici delle malattie, alle evoluzioni della pedagogia medica e alle istanze etiche in relazione agli avanzamenti conoscitivi e applicativi delle ricerche mediche più avanzate.

Alex Corlazzoli. Giornalista, maestro, scrittore. Ha operato per dieci anni in carcere fondando il giornale Uomini Liberi. Ha fondato l’associazione L’Aquilone che si occupa di integrazione dei migranti. Scrive per Il Fatto Quotidiano, per il settimanale Gioia, Che Futuro! Startup Italia e Altreconomia. Cura inoltre la rubrica Dietro la lavagna su Radio Popolare e con il cantautore Luca Bassanese ha dato vita allo spettacolo teatrale La scuola siamo noi. Ha pubblicato alcuni libri tra i quali: Gita in pianura (Laterza 2014), #lacattivascuola. Un’inchiesta senza peli sulla lingua (Jaka Book, 2015), Sai maestro che…da grande voglio fare il premier (Add, 2015). Nel novembre 2014 è stato nominato tra i primi 100 digital champion italiani.

 

Nata in quest’Isola a Macumere, vive a Sciacca nell’Altra. Insegnante da sempre, ha avuto però molte figlie d’anima con cui ha camminato dentro fiabe e poesie ma anche dentro le stazioni

del dolore della Shoah e dello Sterminio. Nel 2001 i geometrazzi della V B del “Buniva” l’hanno riconosciuta con lettere d’oro loro “maestra di vita”. Nutrendosi di sapienza materna e del “pensiero della differenza” ha saltato la corda per molto tempo in Piemonte scegliendo le donne come compagne nella riflessione e nella carità. S’oggiu puntu dell’invidia rompe ancora l’armonia del suo ballo; la scrittura se ne fa scudo e misura. Dopo la Madre Visitandina, monaca di clausura, oggi è il figlio minore, tornato dall’India, a segnare il ritmo del giro come nei giochi da bambina: arancio... limone... mandarino…

Artista, musicista e curatore. Vive a Castiadas, lavora ovunque. Nelle sue performance, ricerca l’ interazione tra arte visiva e sperimentazione sonora. Portano il suo nome diverse produzioni musicali sperimentali: un suo brano è presente nell’archivio sonoro del MOMA di New York. Instancabile innovatore, si impegna nella promozione di un sistema dell’arte contemporanea in Sardegna, curando diversi progetti tra cui spiccano le tre edizioni di Sardegna Arte Fiera, rassegna multidisciplinare d’arte contemporanea.

Roberto Costantini. Nato a Tripoli nel 1952. Ingegnere, consulente aziendale, oggi dirigente della Luiss. È autore per Marsilio della Trilogia del Male con protagonista il commissario Michele Balistreri, bestseller in Italia e già pubblicata negli Stati Uniti e nei maggiori paesi europei, premio speciale Giorgio Scerbanenco 2014 quale migliore opera noir degli anni 2000.

© Gigliola Chistè

Giornalista e traduttrice nata a Parigi, si occupa da tempo di divulgazione scientifica e di problemi dei paesi in via sviluppo. Ha collaborato con l’Unità, Linea d’Ombra, Etica e Economia, e collabora oggi con il supplemento culturale del Sole-24 Ore, e con il supplemento femminile D - La Repubblica. Volontaria da 25 anni a Radio Popolare di Milano, per cui ha condotto Ciclotrone, fortunato programma di divulgazione scientifica. Dopo cinque anni di trasmissioni settimanali alla Radio della Svizzera Italiana, ora conduce “Le Oche di Lorenz, a spasso con la scienza” su RAI-Radio 3.

Libero professionista e già responsabile Comunicazione e Formazione della Fondazione IBM. Docente a contratto della Facoltà di Ingegneria dell’Università di Pavia. Direttore marketing e comunica-zione di una business TV. Coordinatore progetto Unisofia di Corsi di Laurea Online. Coordinatore scientifico progetti contro la Dispersione scolastica.

Luca Crovi. Critico rock e speaker radiofonico, è stato per nove anni conduttore della popolare trasmissione Tutti i colori del giallo in onda su Radiodue. Dal 1993 lavora come redattore per la Sergio Bonelli Editore. Ha pubblicato i saggi: Delitti di carta nostra: una storia del giallo italiano (Puntozero, 2000), Tutti i colori del giallo (Marsilio), Noir. Istruzioni per l’uso (Garzanti, 2002). Con Stefano Priarone ha firmato Mister Fantasy. Il mondo segreto di Tolkien (Passigli, 2002) e Stephen King. L'uomo vestito di incubi (Aliberti, 2004). Ha scritto con Seba Pezzani il rock thriller Tuttifrutti (Passigli, 2004). Ha curato l’antologia noir Il cuore nero delle donne (Guanda, 2015). Settimanalmente cura per Radio Popolare la rubrica Giallo Naviglio.

Flaminia Cruciani. Romana, si ė laureata in Archeologia e storia dell'arte del Vicino Oriente antico; Dottorato in Archeologia Orientale e Master di II livello in Architettura per l'Archeologia - Archeologia per l'Architettura, per la valorizzazione del patrimonio culturale. Per lunghi anni ha partecipato alle annuali campagne di scavo a Ebla in Siria. È esperta di glittica, di iconografia e di Visual Studies. È autrice di pubblicazioni a carattere scientifico e consulente nell'ambito di diversi progetti archeologici. Successivamente, si è specializzata in Discipline Analogiche, attraverso lo studio dell’Ipnosi Dinamica, della Comunicazione Analogica non Verbale e della Filosofia Analogica, conseguendo il titolo di Analogista. Da diversi anni è operatore certificato di Psych-K. Nel 2008 ha pubblicato Sorso di Notte Potabile (ed. Lietocolle). Suoi testi letterari sono presenti in numerose antologie. Collabora con la rivista Qui Libri.

Marcello Cualbu è docente di sistemi interattivi e tecnologie applicate al design presso l’Istituto Europeo di Design di Cagliari.

 

Roberto Cubelli. Professore Ordinario di Psicologia Generale presso il Dipartimento di Psicologia e Scienze Cognitive dell’Università di Trento. È Managing Editor della rivista internazionale Cortex, membro del Comitato di Direzione della Rivista Internazionale di Filosofia e Psicologia. È stato segretario e presidente dell'Associazione Italiana di Psicologia (AIP). Conduce ricerche nell’ambito della neuropsicologia e della psicologia cognitiva, e collabora stabilmente con il Dipartimento di Psicologia dell’Università di Edimburgo (UK). La sua ultima pubblicazione è Environmental Factors and Teenagers' Personalities: The Role of Personal and Familial Socio-Cultural Level (2017), scritto in collaborazione con E. Menardo e G. Balboni.

Geppi Cucciari. Comica, conduttrice televisiva e radiofonica e attrice italiana. Appassionata di pallacanestro, è giunta sino alla serie A2 con la maglia della Virtus Cagliari. Attualmente è co-conduttrice del programma radiofonico Un giorno da pecora su Rai Radio 2 insieme a Giorgio Lauro. Dal 2005 è collaboratrice di Donna moderna con la sua rubrica Lato G.

Nato a Cincinnati nel 1952, è uno scrittore statunitense. Celebre il romanzo Le ore, (2001) vincitore del Pen/Faulkner Award ed il premio Pulitzer. Ricordiamo anche Carne e sangue (2002), Dove la terra finisce, 2006, il suo ultimo romanzo Al limite della notte, è stato pubblicato nel 2010. Dai romanzi Le ore e Una casa alla fine del mondo(2003), sono stati tratti famosi film omonimi. Vive a New York.

Massimo Cuomo. Scrittore. Laureato in Scienze della Comunicazione presso l’Università di Bologna, si occupa di web marketing. Ha pubblicato per Edizioni E/O il suo romanzo d’esordio Malcom (2011), Piccola Osteria senza Parole (2014) e Bellissimo (2017).